Home » Il Patrono » Serata con i lavoratori

Serata con i lavoratori

Lettera ed invito ai lavoratori

Lettera ed invito ai lavoratori - Parrocchia Santa Caterina

Carissimo/a Amico/a,


il desiderio di raggiungerti con questa lettera nasce da un interrogativo, da una inquietudine, ma soprattutto da una esigenza o necessità dettata dal tempo che ci troviamo a vivere. Un tempo che tutti chiamiamo di crisi sociale ed economica, di mancanza di lavoro e soprattutto di affetti, insomma un tempo difficile perché forse ci sta venendo a mancare la speranza.


Si, proprio la speranza cioè quella forza che ha animato i nostri padri, che ha fatto vincere ogni scommessa ai nostri nonni, che ha dato un volto e un nome alle tante svolte della storia. La speranza in questo percorso prende il nome di coraggio, schietto e leale per poter vivere una vita dignitosa. Prendiamo atto e apprezziamo la Vostra nobile arte, esercitata con diligenza ed esemplare maestranza ogni giorno nella gioia per il lavoro.


A volte vi è una certa tristezza dettata dalla difficoltà di vedere uomini e donne che stentano a vivere ma che nonostante tutto, riescono a superare le difficoltà economiche così da non cadere nella morsa dolorosa dello sconforto.


Di fronte a tale considerazione, non possiamo rimanere inermi, pertanto come cristiani, abbiamo pensato di incontrarci proprio in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono. Chi meglio di San Giuseppe può incoraggiarci, chi meglio del Falegname di Nazareth può ascoltare il gemito e la fatica del nostro lavoro quotidiano?


Pertanto apriremo i festeggiamenti di San Giuseppe con un incontro aperto a tutti i lavoratori per ascoltare una parola vera, confortante e ricca di una speranza umana divinizzata. Vi aspettiamo l’ultimo Mercoledì “ro Patriarca”, il 14 marzo alle ore 21,00 nella nostra Chiesa Parrocchiale, con la riflessione dal tema “A Giuseppe l’amico di Dio. Dal dramma dell’obbedienza, alla fatica del lavoro. La sapienza dell’alternanza”. Questo momento sarà tenuto dal nostro Seminarista Davide Lutri.


Certi della Vostra premurosa e calda partecipazione mentre vi aspettiamo numerosi, Vi salutiamo affettuosamente nel Signore.


Donnalucata lì, 2 marzo 2012.


                                                                                Il Comitato dei festeggiamenti.