Home » News » DAL 27 AL 30 MARZO GLI ESERCIZI SPIRITUALI IN PREPARAZIONE ALLA PASQUA

DAL 27 AL 30 MARZO GLI ESERCIZI SPIRITUALI IN PREPARAZIONE ALLA PASQUA

DAL 27 AL 30 MARZO GLI ESERCIZI SPIRITUALI IN PREPARAZIONE ALLA PASQUA - Parrocchia Santa Caterina

Si terranno in Parrocchia dal 27al 30 Marzo 2012 gli Esercizi Spiirtuali Quaresimali che ci preparano a vivere santamente e in spirito evangelico le feste pasquali. A tenere gli Esercizi sarà P. Giorgio Pompidou sul tema dell'amore misericordioso con la quale Dio ci educa e si prende cura di noi.


Programma Esercizi Spirituali e Settimana Santa 2012>>


Definizione degli “Esercizi spirituali”

Prima di iniziare il corso degli esercizi Spirituali in Parrocchia, vorrei spendere una parola sul significato degli Esercizi Spirituali e sul come viverli. Anzi, ce lo facciamo spiegare da alcuni “grandi” maestri dello spirito.
Il più vicino a noi, il Betao Giovanni Paolo II, definisce gli Esercizi come: «un insieme di meditazioni e di preghiere in un’atmosfera di raccoglimento e di silenzio, e soprattutto una particolare spinta interiore suscitata dallo Spirito Santo per aprire ampi spazi dell’anima all’azione della grazia» (Angelus di Giovanni Paolo II, Roma, 16 dicembre 1979).
Il medesimo Giovanni Paolo II sottolinea l’importanza di «Far conoscere e promuovere gli Esercizi spirituali, intesi come una forte esperienza di Dio, suscitata dall’ascolto della Sua parola, compresa e accolta nel proprio vissuto personale, sotto l’azione dello Spirito Santo, che, in clima di silenzio, di preghiera e con la mediazione di una Guida spirituale, dona la capacità di discernimento, in ordine alla purificazione del cuore, alla conversione della vita e alla sequela di Cristo, per il compimento della propria missione nella Chiesa e nel mondo».
Infine, la definizione di Sant’Ignazio nel n° 1 del libro degli Esercizi Spirituali: «con il nome di “Esercizi spirituali” s’intende ogni modo di esaminare la coscienza, di meditare, di contemplare, di pregare oralmente e mentalmente e di altre attività spirituali … Perché come il passeggiare, il camminare, il correre sono esercizi fisici, così si dicono Esercizi Spirituali ogni modo di preparare e disporre l'anima a togliere tutti gli affetti disordinati e, dopo averli tolti, a cercare e trovare la volontà di Dio nella disposizione della propria vita, per la salvezza della propria anima»


Gli obiettivi del corso di esercizi spirituali in Quaresima

Ora, brevemente il Programma o, meglio, l’itinerario spirituale che percorreremo durante questi santi Esercizi: Dio è amore e per amore egli crea l’uomo e le altre creature.
Ma l’uomo si getta con ingordigia sulle creature-dono di Dio e si riduce a vivere in un’alienazione e un’ottusità che quotidianamente lo conducono lontano dal Creatore, rincorrendo il mito di una falsa felicità che in realtà sempre più lo consuma e lo esilia dalla verità di se stesso.
A salvarci dall’angoscia presente e dal fallimento eterno sarà ancora una volta l’Amore di Dio, che ci fa sentire addirittura accolti e amati così come siamo; e riaccolti e riamati ogni volta che, dopo aver vissuto nell’indifferenza e averlo dimenticato, dopo aver dilaniato i beni ricevuti, dopo aver peccato, ritorniamo a Lui.
L’amore di cui ci sentiamo oggetto ci guarisce e ci fa desiderare di diventarne degni e di iniziare una nuova vita, dove le solite cose quotidiane non saranno più le stesse, perché avranno un senso nuovo, o, meglio, avranno trovato il loro vero senso.
In questo itinerario, che non possiamo avere la presunzione di poter gestire da soli, abbiamo bisogno di compagni di viaggio, di un alimento che ci fortifichi e di una guida del cammino.
Durante il corso, sono previsti dei momenti di condivisione: non temiamo di rivelare noi stessi, sarà il tempo di toglierci di dosso le maschere dietro le quali ci nascondiamo e di far cadere quelle autodifese che ci impediscono di aprire il cuore alla novità della Parola di Dio.
Allora, cari fratelli e sorelle, scuotiamoci, prima di tutto ridestiamo la nostra capacità di ascolto e potenziamo la nostra volontà – se fragile e infiacchita dalle cattive passioni – riprendiamo a camminare e sproniamoci gli uni gli altri.
Soprattutto, spalanchiamo le porte del nostro cuore a Cristo.
Ecco il principale compito dell'uomo: arrendersi all'amore di Dio.
Se è ciò che faremo in questi giorni, potremo dire di aver portato a termine fruttuosamente questo corso di esercizi spirituali Parrocchiali.

Il Parroco
Don Rosario Sultana

24/03/2012 17:38 commenti (0)